Perchè cambiare fornitore di luce e gas

Potresti essere interessato a passare ad un altro fornitore perchè hai trovato le sue offerte di luce e gas più convenienti di quelle che hai attive.
cambio fornitore energia
In effetti mettere a confronto le proprie tariffe con quelle applicate da più compagnie energetiche è l'approccio corretto per scegliere di risparmiare sensibilmente sulla bolletta.
Infatti i gestori, per acquisire nuovi clienti, applicano spesso prezzi più economici talvolta anche con l'aggiunta di promozioni. Inoltre una tariffa bloccata e qualche semestre fa molto vantaggiosa può non esserlo successivamente. Ciò ad esempio per consistenti diminuzioni dei prezzi energetici all'ingrosso oppure per promozioni ancora più spinte da parte dei concorrenti.

Come confrontare le tariffe? Puoi fare riferimento ai nostri comparatori che permettono di stimare il costo della bollette delle offerte di luce e gas più convenienti e nel rispetto del tuo profilo.

Altro approccio, molto trasparente, è quello di leggere le schede di confrontabilità disponibili sul sito del fornitore di interesse oppure nelle nostre stesse pagine di comparazione. Tali schede riportano semplicemente il costo annuo dell'offerta considerata e quella della tariffa regolamentata per determinati valori di consumo standard, e per il gas anche per la regione di residenza. Questi valori non includono le imposte (accise ed iva) che non incidono sulla spesa complessiva essendo di uguale valore e percentuale fissato il profilo (consumo e regione). Inoltre a garanzia del consumatore non sono includono eventuali sconti transitori.

Per orientarti sul profilo standard che ti compete sappi che il consumo annuo che ti riguarda lo trovi indicato in fattura, comunque in media è pari a 2700kWh/anno per la luce, e 700smc/anno per il gas (per le regioni centrali, per questioni di clima tende a diminuire al meridione e ad aumentare al settentrione).
esempio di scheda di confrontabilità

Come cambiare fornitore di luce e gas

Se vuoi cambiare fornitore di luce e gas tieni intanto presenti i seguenti vantaggi.

  • Puoi avere un risparmio concreto sulle tue bollette dovuto a tariffe più convenienti.
  • Per la strutturazione del mercato la qualità dell'energia e dei servizi tecnici sono uguali per tutte i fornitori.
  • Il passaggio da un fornitore a un altro, sia nel mercato libero che tutelato, può avvenire in qualsiasi momento ed è per legge privo di costi e penali.
  • Non dovrai inviare disdetta oppure sostenere altri adempimenti burocratici, tutto è a carico del nuovo fornitore.
  • Il passaggio avviene senza interruzioni della fornitura ne modifiche al contatore in un tempo medio di 45 - 60 giorni.

Come cambiare tariffa in concreto? Una volta che hai scelto l'offerta di luce e gas migliore per il tuo profilo, ad esempio quella più conveniente, non ti resta che richiederla. Si precisa a riguardo che la modalità di adesione consigliata è quella online. Infatti a differenza di altri canali, come via telefono, in negozio, oppure porta a porta, permette di consultare e valutare con calma e senza scelte di impulso la tariffa di interesse.

La procedura di cambio fornitore, anche detta switch, è molto semplice, dal sito web ufficiale si provvede a compilare i moduli online con la propria anagrafica. Al termine verrà prodotto il contratto da firmare e spedire secondo le istruzioni, ad esempio via fax, email oppure posta.

E' importante tenere a portata di mano un documento di riconoscimento e il codice univoco che identifica la fornitura, lo trovi indicato in fattura. Trattasi in particolare del codice POD per la luce e del codice PDR per il gas.

Se si sceglie come modalità di pagamento delle bollette l'addebito in conto corrente occorre comunicare anche il relativo codice iban. Per inciso in caso di pagamento diverso dall'addebito in conto oppure su carta, come il bollettino postale, potrebbe essere richiesto un deposito cauzionale da restituire alla disdetta del contratto.

Una volta che la richiesta è inoltrata tutta la pratica è di competenza del gestore entrante, incluso la disdetta al vecchio, la cui ultima fattura terrà conto anche della restituzione del deposito cauzionale eventualmente versato a suo tempo. La disdetta è soggetta a un tempo di preavviso, normalmente 30 giorni, prima di divenire efficace. La procedura di passaggio, che include il detto preavviso, si realizza come detto sopra, e in generale, in circa 40 - 50 giorni.

Per inciso un analoga procedura può essere applicata per scegliere nel modo migliore una nuova attivazione energetica.

Valutazione fornitore
Confronto tariffe luce
Consumo, kWh/anno

Confronto tariffe gas

Alperia Energia