Calcolo della bolletta di luce e gas, come farlo

La base di partenza per capire se il proprio fornitore conviene è quella di procedere a un calcolo della bolletta di luce e gas secondo i prezzi da questo praticati. Ciò può essere fatto imparando a leggere le proprie fatture in maniera più consapevole oppure utilizzare un simulatore di bollette per l'energia elettrica e per il gas. I nostri calcolatori, riportati a seguire, permettono in particolare di preventivare i costi di una qualunque tariffa energetica, sia essa a maggior tutela oppure del libero mercato.

Prima di procedere è importante sapere che qualunque fattura energetica è somma delle seguenti voci principali.



La differenza di costo tra tutte le tariffe esistenti, siano esse a maggior tutela oppure di libero mercato, avviene solo sulla prima voce cioè solo sul prezzo della materia prima che è infatti stabilito da ciascun fornitore. Tale prezzo è suddivisibile in una parte fissa (€/anno) e in una parte a consumo (€/kWh per la luce, €/smc per il gas). E' proprio quest'ultimo importo, il costo unitario della materia prima a essere il valore più pubblicizzato dalle compagnie energetiche. Per inciso una tariffa più conveniente di un altra non sempre è identificata dal valore €/kWh oppure €/smc più basso. Infatti c'è da considerare anche la quota fissa, per la luce l'esposizione o meno delle perdite di rete, oltre all'eventuale presenza di componenti diverse a sommare.
condizioni economiche tariffe energetiche
Per quanto riguarda invece tutte le altre voci principali diverse dalla materia prima queste sono uguali qualsiasi sia la tariffa. Nello specifico l'Autorità per l'Energia, ARERA, aggiorna con cadenza trimestrale il trasporto e gli oneri di sistema, mentre l'iva e l'accisa sono di competenza statale. Nel caso poi di una tariffa a maggior tutela resta stabilita dall'Autorità anche la voce riguardante la materia prima.

Calcolo della bolletta della luce

Procediamo intanto a spiegare come avviene sommariamente il calcolo della bolletta della luce in maniera manuale, ad esempio leggendo e controllando una nostra fattura. Ci riferiamo, per generalizzare, al costo su base annua.

Il costo per la materia prima è ottenuto come somma della relativa quota fissa e del consumo moltiplicato per la relativa quota a consumo. Quest'ultimo valore include a sommare oltre al prezzo variabile praticato dal gestore anche altri oneri, come ad esempio gli oneri di dispacciamento e le perdite di rete. Il costo per il trasporto e gestione è ottenibile come somma della corrispondente parte fissa, della parte espressa in €/kW moltiplicata per la potenza, e della parte espressa in €/kWh che va moltiplicata per il consumo. Il costo per gli oneri di sistema ha una parte fissa, uguale a zero solo per le abitazioni di residenza, a cui va sommato il prodotto del consumo per la quota corrispondente espressa in €/kWh. Per quanto attiene le accise è applicato la quota piena al verificarsi di una o più delle seguenti condizioni; per potenze superiori ai 3kW, per abitazioni non di residenza, per consumi oltre i 4400 kWh/anno. Diversamente e per consumi entro i 1800kWh è pari a zero, crescendo proporzionalmente per consumi compresi tra 1800 e 4440kwh/annui. L'iva risulta semplicemente pari al 10% delle quattro voci principali della bolletta dette sopra.

Si noti, per quanto detto, che una fornitura per un abitazione di residenza rispetto a una senza residenza è più economica in quanto sono più bassi i costi per gli oneri di sistema e per le accise.

Il calcolo della bolletta della luce può ottenersi anche mediante il nostro simulatore riportato a seguire. Per il mercato tutelato occorre inserire solo il consumo previsto oppure realizzato nel periodo di riferimento indicato (mese, bimestre, quadrimestre oppure anno). Tutti gli altri valori sono a noi già noti. Per il mercato libero, invece, occorre indicare oltre al consumo nel periodo anche i prezzi della materia prima nella parte a consumo e in quella fissa. In ogni caso tutti i dati sono reperibili da una tua bolletta.

I valori ottenuti dal simulatore si riferiscono ai parametri validi nel trimestre in corso (da gennaio a marzo 2021). Inoltre le tariffe F0, F1 e F23 in uscita dal calcolatore saranno comprensive di tutte le componenti che le riguardano, includendo perdite di rete, oneri di commercializzazione e dispacciamento.

Si No
Consumo stimato
kWh
kWh
Dati ulteriori
Costi tariffa
€/kWh
€/kWh
€/kWh
€/kWh
%
€/anno

La tua tariffa luce
Marcato: tutelato
Tipo tariffa: monoraria
Costi materia prima
parte a consumo F0: 0,0671 €/kWh
parte fissa: 65,44 €/anno
Stima costi annui
Materia prima: 219,55 €
Servizi di rete: 210,91 €
Accise: 15,89 €
Iva: 44,63 €
Totale: 490,98 €
incidenza % voci bolletta

Calcolo della bolletta del gas

Come si procede sommariamente al controllo oppure al calcolo della bolletta del gas, in maniera manuale? Il costo della materia prima è determinato analogamente a quanto fatto per l'energia elettrica, con la differenza che per il gas la quota a consumo è espressa in €/smc (euro per standard metro cubo). Per quanto riguarda il costo di trasporto e gestione occorre sommare la quota fissa espressa in €/anno e la quota espressa in €/smc moltiplicata per i consumi. Analogamente avviene per quanto attiene al costo degli oneri di sistema. L'accisa prevede la sola parte variabile da moltiplicare per il consumo, lo stesso dicasi per un ulteriore imposta; l'addizionale regionale. L'iva è pari al 10% della somma dei costi sopradetti solo per i primi 480 smc consumati, per i consumi eccedenti è pari al 22%. Si precisa che le quote variabili, eccetto quella relativa alla materia prima, sono suddivise per scaglioni di consumo assumendo in ciascuno un valore differente.

Per il calcolo della bolletta del gas tramite simulatore è necessario indicare i dati sottostanti e reperibili su una tua bolletta. Oltre al consumo stimato di gas nel periodo di interesse occorre indicare alcune caratteristiche della tua attuale fornitura, come il costo fisso e variabile della componente energia applicata dal tuo fornitore. Se la tua tariffa è tutelata non occorre inserire tali dati poichè già noti. Per inciso se non hai mai cambiato gestore sei sicuramente nel mercato tutelato del gas. I parametri considerati si riferiscono al trimestre in corso (1°/2021).

smc
Costi materia prima
€/kWh
%
€/smc
€/anno

La tua tariffa gas
Marcato: tutelato
Costi materia prima
parte a consumo: 0,2116 €/smc
parte fissa: 62,74 €/anno
Stima costi annui
Materia prima: 231,98 €
Servizi di rete: 149,23 €
Accise: 122,68 €
Iva: 82,11 €
Totale: 586,00 €
incidenza % voci bolletta

Valuta la tua fornitura